La banca più antica d’America, BNY Mellon, custodirà Bitcoin

L’amministratore delegato dell’attività di asset servicing della banca afferma che gli asset digitali stanno diventando „parte del mainstream“.

La Bank of New York Mellon, la più antica banca d’America, ha annunciato l’intenzione di detenere, trasferire ed emettere Bitcoin ( BTC ) e altre criptovalute come asset manager per conto dei suoi clienti

Secondo quanto riferito, l’impulso per la decisione è venuto dagli investitori istituzionali – i vertici della clientela di BNY Mellon – durante la stagione rialzista del 2021 per questa asset class.

Come nota il Wall Street Journal , BNY Mellon non è certo il primo nome familiare nella finanza tradizionale ad abbracciare le risorse digitali, come Fidelity Investments sono stati a lungo in gioco. Eppure è la prima banca di custodia nazionale a impegnarsi nell’introduzione della custodia di criptovaluta per la propria clientela a breve termine, ovvero „entro la fine dell’anno“.

Roman Regelman, amministratore delegato delle attività di asset servicing e digital della banca, ha affermato che „le risorse digitali stanno diventando parte del mainstream“

Secondo il rapporto, BNY Mellon prevede di gestire le criptovalute utilizzando una piattaforma, ora in versione prototipo, che verrà utilizzata anche per gestire partecipazioni tradizionali come Treasuries e azioni.

Né BNY Mellon ha posto limiti sui tipi di criptovalute che è pronto a custodire. Secondo quanto riferito, un team dedicato di dirigenti bancari, guidato da Mike Demissie, è stato incaricato di supervisionare l’integrazione della custodia e della gestione delle criptovalute in tutte le attività della banca.

Mentre BNY Mellon sta portando avanti i suoi piani, Regelman prevede comunque che la piena integrazione delle risorse digitali nell’infrastruttura bancaria tradizionale richiederà altri tre o cinque anni.